Al Teatro Golden la risata è di casa per la stagione del 2018/19

Standard

La risata è la dominante della stagione del Teatro Golden per il 2018/19, questa è anche la massima del Direttore Artistico, Andrea Maia. Tanti gli artisti in cartellone che portano il buonumore e travolgono l’interesse del pubblico in sala. La novità è che dopo sei anni, la serata del mercoledì e quella del primo pomeriggio del sabato sono in abbonamento. Continua a leggere

Al Teatro Golden: “Prima di rifare l’amore”

Standard

Prima di rifare l’amore”, in scena in questi giorni al Teatro Golden è prima di tutto un racconto intimo, dove Marco Falaguasta si mette a nudo attraverso il ricordo delle sue tante prime volte e che rappresentano lo spaccato di vita di ognuno di noi. Continua a leggere

Al Teatro Golden: “Ci do… che ci do… che ci do…” con Andrea Roncato e Gigi Sammarchi

Standard

La coppia storica Gigi Sammarchi e Andrea Roncato torna insieme dopo essersi separata artisticamente con “Ci do… che ci do… che ci do…”, il loro tormentone e colonna sonora del film “Acapulco, prima spiaggia a sinistra”. Continua a leggere

Al Teatro Golden va in scena “Ho adottato mio fratello”

teatro-golden-5
Standard

Ho adottato mio fratello” è in scena dal 10 al 22 gennaio al Teatro Golden.  Il progetto nasce dalla volontà del Direttore Artistico Andrea Maia di dare spazio ai neofiti artisti e di renderli attivi nel panorama teatrale. Continua a leggere

Al Teatro Golden” L’albero di Natale” con Daniela Marra, Simone Montedoro, Emanuela Fresi e Andrea Lolli

lalbero-di-natale-teatro-golden
Standard

Una commedia gradevole di buoni sentimenti che riscuote simpatia tra quanti ancora sperano di trovare il grande amore. “L’albero di Natale”, in scena in questi giorni al Teatro Golden, scritto da Andrea Maia, Vincenzo Sinopoli, Augusto e Toni Fornari, mette insieme in vista della vigilia natalizia una storia di solitudini che trova il giusto finale per riconciliarsi con i sentimenti e con una realtà piena di buonismo che fa tanto bene al cuore. Continua a leggere

Al Teatro Golden “L’amore migliora la vita”

lamoremiglioralavita
Standard

Sembra un titolo da film d’epoca, quasi il regista volesse emulare Frank Capra, ma non lasciatevi sviare dalla denominazione dello spettacolo, perché “L’amore migliora la vita”, in scena in questi giorni al Teatro Golden fino al 20 novembre è la vittoria dell’ipocrisia su tutto quello che due coppie di genitori diverse tra loro non avrebbero voluto sapere sui lori figli. Continua a leggere

“L’Inquilina del piano di sopra”, in scena al Teatro Golden

linquilina-del-piano-di-sopra-ufficiale
Standard

Coppia d’assalto quella di Gaia De Laurentiis e Ugo Dighero per un testo che racconta un innamoramento forzato. In “L’inquilina del piano di sopra”, in scena al Teatro Golden, Sophie passa il 40esimo compleanno in una solitudine estrema, con tutti i rammarichi della sua condizione sentimentale che l’ha vista sempre sconfitta. Continua a leggere

Al Teatro Golden "Cena con sorpresa"

Standard

Una coppia di marito e moglie, sposata da anni è messa in difficoltà da una situazione imprevista. In loc-CenaConSorpresa-ok-webCena con sorpresa”, in scena in questi giorni al Teatro Golden, gli attori sono coinvolti in una divertente situazione che metterà in difficoltà le loro vite apparentemente serene. La coppia di collaudati coniugi, interpretati dai bravi Daniela Morozzi e Giancarlo Ratti, organizzano una cena dove ci sarà un loro amico architetto, interpretato dallo spumeggiante Gianni Ferreri. A questa cena a sorpresa interviene anche la figlia, interpretata da Chiara Mastalli.I due coniugi non sanno che il cinquantenne affermato ha una storia con la propria figlia. Angelica come un fulmine a ciel sereno spingerà l’architetto a rivelare la loro relazione. Ma come troverà le parole giuste per dirlo e soprattutto come la prenderanno i due amici? Ed e qui il colpo di scena della commedia che vive su questa suspense, tra imbarazzi e giochi di parole. La commedia è scritta da Augusto Fornari, Toni Fornari, Andrea Maia e Vincenzo Sinopoli e la regia è di Toni Fornari. Si replica fino all’8 maggio.

 

 

Al Teatro Golden: …E la musica mi gira intorno con Maurizio Casagrande

Standard

Di Paola Aspri

Maurizio Casagrande in veste di artista poliedrico per “…E la musica mi gira intorno”. Questa volta il regista e attore che ha contribuito alla verve attoriale di Vincenzo Salemme in tanti film, prova la strada musicale per cimentarsi in qualcosa di inedito  cui non eravamo abituati a vederlo. 23042013.DSC_5028Il suo spettacolo, scritto insieme a Francesco Velonà, è un mix di emozioni musicali che tratteggiano il percorso esistenziale di Casagrande partendo dagli esordi infantili, quando ancora non era in grado di capire cosa avrebbe fatto da grande. Un debutto può creare a volte anche qualche piccolo impaccio e al grande Maurizio è capitato di farsi prendere dalla confusione del momento per poi riprendersi alla perfezione tra un aneddoto e l’altro, narrando i suoi primi turbamenti sentimentali, accompagnandoli a brani memorabili che rimangono fissi nella memoria. Si va zig zagando musicalmente, quasi un carosello napoletano che si adatta perfettamente alla dinamicità del protagonista, chiamato a interpellare se stesso e anche il suo duo di vocalist Mariateresa Amato e Roberta Andreozzi, puntuali nel ricordare musicalmente i momenti salienti, partendo dagli anni “50”, anni in cui i genitori di Maurizio Casagrande (tra cui il grande Antonio) si conobbero per arrivare agli anni “60” e al tormentone de “Viva la pappa col pomodoro” e alla Rita Pavone Yè- Yè. Poi il rockettaro Casagrande esplode con un mix di brani cari a quei tempi, artisti che hanno fatto grande la storia del rock internazionale, dai Deep Purple, a Led Zeppelin. Poi gli anni “80” dove a bordo di una “Uno Bianca”,  Casagrande ha la sua passione più grande per una ragazza che non esita ad essere molto aperta con tutti, rischio del fatto di essere un batterista e di non attirare a quei tempi la ragazza romantica. Sulle note di “Andamento lento” l’artista napoletano ricorda gli attimi veraci passati con una fidanzata un po’ leggera. e.. la musica mi gira intorno 1Poi arriva l’amore in chiave musical con Zucchero e con “Diavolo in me” esplode il ciclone partenopeo che inventa passi improbabili e situazioni machiettistiche, il tutto non dimenticando l’attore. Gli sketch, gli scoop esistenziali e storie che ci assomigliano vanno a braccetto con il brio della musica, ravvivato dalle incursioni di un tecnico “animale” che tenta di smontare a parole e con le azioni la rappresentazione in essere. Tra Casagrande e il bravo Peppe Fiore è uno spasso continuo, tra cadute di stile e strafalcioni del tecnico che tenta di mettere il becco dappertutto disturbando l’equilibrio del protagonista. Inutile dire che il poliedrico interprete muove con abilità una rappresentazione non di genere, squilibrata già dal primo quadro, ma nelle corde di un andamento partenopeo che porta a una improvvisazione voluta e ragionata. Da vedere. Al Teatro Golden fino al 17 aprile.