Selfless | oggi in seconda serata su 20 Mediaset

Standard

Questa sera su 20 Mediaset va in onda Selfless, per la regia di Tarsem Singh con Ryan Reynolds, Natalie Martinez, Matthew Goode, Victor Garber, Derek LukeDamian Hale è un industriale miliardario, che ha riscritto i connotati alla città di New York. Messo al muro da un cancro incurabile, decide di sottoporsi ad una terapia segreta, in grado di dargli una seconda vita: lo “shedding”. A cambiarsi i connotati, questa volta, è Damian stesso, che rinasce nel corpo prestante, creato in laboratorio, di “Edward“. L’operazione riesce, ma la nuova vita di Hale è infestata da vecchi ricordi che non gli appartengono.Se sul fronte narrativo l’analogia che salta agli occhi è con Operazione diabolicaFrankenheimer del ’66 con Rock Hudson, sul piano pseudoscientifico, il film può richiamare alla memoria anche il più recente Source Code, per il modo in cui la mente del protagonista migra in un corpo altrui, non potendo più utilizzare quello di partenza. Là, però, dove il film di Duncan Jones sceglieva un un’unità di luogo – il treno- e di tempo – 8 minuti – e teneva così al caldo il nucleo centrale, e cioè l’idea, evitando di disperderla, il film di Tarsem fa esattamente l’opposto. L’idea è un pallone da basket che, una volta iniziata la partita, viene lanciato di qua e di là (e non a caso anche i due finali finiscono per essere opposti).Ryan Reynolds regge bene la parte, mentre Ben Kingsley strafà e Natalie Martinez rischia seriamente di compromettere il tutto, fin dalla sua prima apparizione. Ma è nei modi di racconto che il film fa acqua si affida a sincopate clip di montaggio quando vuole invece stringere i tempi. Man mano che si procede in questo modo, non solo si va riducendo l’afflato filosofico del tema ma anche e soprattutto il nostro interesse.

Commenti

Commenti