Legion | questa sera su Rai 4

Standard

Questa sera su Rai 4 va in onda “Legion”, per la regia di Scott Stewart con Paul Bettany, Lucas Black, Tyrese Gibson, Adrianne Palicki, Charles S. Dutton.  In Italia al Box Office Legion ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 598 mila euro e 403 mila euro nel primo weekend.

Gli angeli – in lotta tra loro o con i demoni – sono stati protagonisti di diversi horror in un passato più o meno recente. L’australiano Gabriel – La furia degli angeli di Shane Abbess è tra questi, ma l’esempio forse più popolare è quello di L’ultima profezia con Christopher Walken nei panni di Gabriele, primo di una piccola franchise (i seguiti sono ben quattro, al momento). Legion riprende questi temi e – con qualche suggestione da Terminator e, soprattutto per l’estetica, da Matrix – li sviluppa cercando di inserire qualche spunto originale in una storia piuttosto semplice.
Los Angeles, 23 dicembre. Dio si è stancato delle malefatte umane e ha sguinzagliato sulla Terra una legione di angeli per portare l’Apocalisse. L’arcangelo Michael, però, non è d’accordo e vuole salvare l’umanità. In uno scalcinato locale ai margini del deserto, il Paradise Falls, un gruppo di persone vive i suoi problemi: Jeep si preoccupa di Charlie, la cameriera single incinta di otto mesi; Bob, papà di Jeep, si preoccupa di tirare avanti il locale, aiutato dal cuoco filosofo Percy; in attesa che Jeep aggiusti la loro auto, Howard tiene a bada la moglie Sandra, preoccupata per l’alto grado di disinibizione della figlia Audrey; Kyle ha problemi familiari che cerca inutilmente di risolvere al telefono. Tutto sembra decadente, tutti sono preoccupati per qualcosa, ma senza alcuna spinta positiva. Improvvisamente, radio, tv e telefoni smettono di funzionare. Nel locale entra Gladys, una vecchietta dapprima arzilla e gentile e poi molto, ma molto meno. Azzannato al collo il povero Howard, avverte tutti che stanno per morire. Una nube di insetti compare all’orizzonte, poi arriva Michael ad affrontare con gli uomini la prova finale.
Simpatico l’uso di una vecchietta, di un bizzarro gelataio e di un angelico bambino in modo più o meno anticonvenzionale. Interessante l’aria desolata e disillusa, da vecchio noir on the border, della location decisiva per le sorti dell’umanità. Azzeccato anche il tono apocalittico e misterioso del primo terzo di film, più cupo che magniloquente, come invece accaduto in altri esempi del filone.

Commenti

Commenti