Caccia al tesoro | questa sera in prima tv su Canale 5

Standard

Questa sera in prima tv va in onda in prima tv “Caccia al tesoro”, per la regia di Carlo Vanzina con Vincenzo Salemme, Carlo Buccirosso, Christiane Filangieri, Gennaro Guazzo, Francesco Di Leva.  In Italia al Box Office Caccia al tesoro ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 1,5 milioni di euro e 722 mila euro nel primo weekend.

Da anni Domenico non paga l’affitto del Teatro della Speranza di Napoli di cui è capocomico, e il proprietario dello stabile ne ordina la chiusura immediata. Non solo: giunto a casa, Domenico scopre che il nipotino Antonio ha bisogno di parecchi denari per farsi “aggiustare il cuore” in una clinica americana. Che fare? Siamo a Napoli, dunque ci si rivolge San Gennaro. Domenico e sua cognata Rosetta, madre di Antonio, si recano in chiesa e pregano il santo di autorizzarli a compiere un “piccolo” furto: sottrarre alla sua mitra un gioiello che basterà a risolvere tutti i loro problemi economici. E poiché la finestra della chiesa è aperta, i due scambiano la voce di un parcheggiatore abusivo che invita un automobilista a procedere per un esplicito incoraggiamento di San Gennaro. È solo l’inizio di una “caccia al tesoro” che coinvolgerà anche Ferdinando, marito separato e squattrinato, e suo figlio Gennarino, più due ladruncoli romani, Cesare a Claudia, anche loro ricorsi al crimine per necessità.

Caccia al tesoro prosegue il percorso, intrapreso di recente dai fratelli Vanzina con Non si ruba a casa dei ladri, di recupero e rivisitazione della commedia all’italiana, in questo caso più specificatamente napoletana, ricollegandosi fin dalla prima scena anche al teatro di tradizione partenopea. E dal punto di vista della costruzione narrativa Caccia al tesoro è riuscito: il gioco degli equivoci ha una sua grazia surreale, e funziona bene il botta e risposta fra attori di grande abilità e impeccabili tempi comici: Vincenzo Salemme e Carlo Buccirosso, nei panni di Domenico e Ferdinando, sono una coppia ormai rodata e degna del più nobile varietà, ma anche Serena Rossi, Max Tortora e il giovanissimo Gennarino Guazzo, vera scoperta del film, gestiscono bene il loro spazio e un ritmo di commedia che supera le divisioni regionali.

Commenti

Commenti