Salt | con Angelina Jolie questa sera su Rai 4

Standard

Questa sera va in onda “Salt” su Rai 4, per la regia di Phillip Noyce con Angelina Jolie, Liev Schreiber, Chiwetel Ejiofor, Daniel Olbrychski, Andre Brangher. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Premi Oscar, In Italia al Box Office Salt ha incassato 2,4 milioni di euro. Evelyn Salt è un’agente CIA che ha già rischiato la vita in missioni pericolose e ha così ottenuto la più alta considerazione da parte dei suoi superiori. Un giorno però si presenta una spia russa che fa una rivelazione che le sconvolgerà l’esistenza: il Presidente russo verrà assassinato in occasione della sua visita negli Stati Uniti per i funerali di Stato del Vicepresidente americano recentemente scomparso. L’agente al centro di questo complotto è Evelyn Salt.Di un film di spionaggio è bene rivelare il meno possibile affinché lo spettatore possa costruirsi una sua idea su chi è cosa e godersi tutta l’azione che può sperare di trovarci. Soprattutto se alla regia c’è Phillip Noyce che ben conosce la materia e ci ha regalato film come Giochi di potere, Sotto il segno del pericolo o The Quiet American. Noyce, anche se poi ci ha proposto un film di forte impatto sociale come La generazione rubata, non ha messo in soffitta i ferri del mestiere. Cogliendo inoltre qui una straordinaria opportunità. Perché avendo (fortunatamente) incassato la rinuncia di Tom Cruise si trova a dirigere una Jolie ormai tanto carica di gossip quanto di esperienza. È di quest’ultima che Noyce si avvale con grande abilità e astuzia. Riesce cioè a sfruttare le doti dell’Angelina/Lara Croft o fumettistica protagonista di Wanted con quelle dell’interprete dell’intensa madre di Changeling.
Ci offre così una spy story che rispetta tutti i canoni del genere (ivi compresi anche i più inverosimili) ma offre al contempo (e quasi per assurdo) ad Evelyn Salt sostanziose dosi di umanità e verosimiglianza. È da questo mix riuscito che emerge un film che potrà appassionare sicuramente gli amanti del genere ma che non verrà disdegnato anche da quegli spettatori che dal cinema si attendono un intrattenimento in cui l’iperbole sia frutto dell’intelligenza e non velleitaria copertura della mancanza di idee.

Commenti

Commenti