Suburra | questa sera su Rai 4 per la regia di Stefano Sollima

Standard

Questa sera su Rai 4 va in onda “Suburra”, per la regia di Stefano Sollima. con Pierfrancesco Favino, Elio Germano, Claudio Amendola, Alessandro Borghi, Greta Scarano. Il film ha ottenuto 6 candidature e vinto un premio ai Nastri d’Argento, 5 candidature a David di Donatello, In Italia al Box Office Suburra ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 4,6 milioni di euro e 2 milioni di euro nel primo weekend.

2 novembre 2011. Silvio Berlusconi rassegna le sue dimissioni da Presidente del Consiglio. La storia di Suburra, basato sul romanzo omonimo di Giancarlo De Cataldo e Carlo Bonini, comincia sette giorni prima, immaginando che proprio allora Papa Ratzinger prenda la storica decisione di abbandonare il ruolo di pontefice.
Il film è dunque incorniciato da due abbandoni “paterni”, è dedicato da Stefano Sollima al padre Sergio, e racconta l’assenza (o la defezione) delle figure maschili di riferimento nella società italiana, attraverso le avventure di un gruppo di uomini cui viene continuamente ripetuto di non essere all’altezza del proprio genitore.
C’è Filippo Malgradi, politico corrotto e dissipato, che passa la notte con due escort, di cui una minorenne, e si caccia in un ginepraio senza fine. C’è Sebastiano, organizzatore di feste vip abituato a fare il vaso di coccio fra vasi di ferro.
C’è Numero 8, giovane boss della malavita di Ostia che sogna di trasformare il litorale romano in una Las Vegas, come Bugsy Siegel. C’è Manfredi Anacleti, capo di un clan di zingari che vorrebbe fare il salto nel crimine di serie A.
E ci sono Sabrina, l’escort che fornisce la “carne fresca” a Malgradi, e Viola, la compagna tossica di Numero 8. I destini di tutti i personaggi sono destinati ad incrociarsi illuminando il legame che esiste da sempre (o almeno dai tempi della Suburra romana) fra criminalità e potere politico.

Dopo il coraggioso ACAB e la serie televisiva Gomorra, Sollima si cimenta con questo “romanzo criminale” cercando di dargli il respiro della lunga serialità, ma sacrificando nell’impresa molti snodi narrativi che sarebbero necessari per capire fino in fondo la trama: qui e là la sceneggiatura, firmata da Stefano Rulli e Sandro Petraglia oltre che da De Cataldo e Bonini, dimentica infatti di comunicare al pubblico dettagli importanti sul come, il quando e il perché avvengano determinati eventi e scambi di informazioni. Azzeccato il cast, su cui giganteggia Pier Francesco Favino in un’interpretazione che ha mille sfumature, evidenti già dalla prima scena. Lo affiancano un solidissimo Claudio Amendola nel ruolo del Samurai, l’unico personaggio veramente adulto della storia; Elio Germano, untuoso publicist senza spina dorsale; Alessandro Borghi, nitido e potente Numero 8; Giulia Elettra Gorietti, escort fragile e corrotta; Greta Scarano, tossica fedele e a suo modo coerente.

“Suburra” di Stefano Sollima trailer ufficiale

Commenti

Commenti