“Il coraggio di vincere”, dal 7 aprile su Raiuno

Standard

Il 7 aprile è vicino e andrà in onda un tv movie attesissimo. Rai 1 questa volta mette in campo un film che precedentemente era stato chiamato “Il sogno di Rocco”, ma il cambiamento è stato attuato da Rai Fiction e Rai 1 perché era il caso di dare un segnale più forte ai telespettatori. Il gruppo di attori di “Il coraggio di vincere” è composto da Adriano Giannini, Nino Frassica e Nina Torresi. L’attore di colore che viene dal Camerun si chiama Yann Gael. La regia è di Marco Pontecorvo. La storia verte sul mondo della boxe e precisamente su Rocco, interpretato da Adriano Giannini, un ex pugile che ha superato i 40 anni e che ha dietro di sé un vissuto drammatico. È stato un pugile che aveva stoffa da vendere e per una serie di circostanze avverse ha dovuto rinunciare ad affermarsi a livello nazionale. La sua esistenza è stata costellata così da delusioni e fallimenti che non hanno coinvolto solo la sfera professionale, ma anche quella affettiva.

Rocco non sogna più e non crede neanche che la sua vita possa cambiare, lui si accontenta di poco e gestisce una vecchia palestra con il suo ex allenatore di fiducia Marcello, che ha le fattezze di Nino Frassica. In questo ambiente sportivo vengono allenati giovani pugili senza però grandi aspettative di poter emergere nel panorama nazionale della boxe. Ma per Rocco improvvisamente arriva l’occasione fortunata e un giorno assiste ad una piccola rissa tra alcuni giovani. Si ferma a guardare e vede un giovane che gli sembra possa essere portato alla grande per il pugilato. Il ragazzo si chiama Ben (Yann Gael) ed è un senegalese presente già da tempo in Italia che si arrangia a vivere. Lui aiuta in un bar, dove c’è anche Lara (Nina Torresi) la figlia dei proprietari. Rocco è sicuro del talento di Ben nel pugilato e comincia ad allenarlo gratuitamente nella sua palestra, ma il suo intento è quello di farlo partecipare al campionato nazionale italiano. Ma lui non ha la cittadinanza italiana, ma a questo punto Rocco per evitare lungaggini, invece di procedere per vie legali, fa qualcosa che gli costerà caro. Il resto lo vedrete il 7 aprile, non mancate all’appuntamento.

Commenti

Commenti